Comitato Guglielmo Marconi International - Fondato nel 1995

LA CONTROVERSIA POPOV - MARCONI


Aleksandr Stepanovic Popov
-Scienziato russo-
16.03.1859 - 13.01.1906


Guglielmo Marconi
-Nobel per la fisica 1909-
Bologna 25.04.1874 - Roma 20.07.1937

 

Vorrei citare alcuni fatti avvenuti prima della discussa questione Popov - Marconi, cercando di fare un po' di chiarezza. Nel luglio del 1902 l'incrociatore italiano Carlo Alberto, agli ordini dell'ammiraglio Carlo Mirabello, mentre si trovava a Kronstadt, fu avvicinato da una barca a vapore della Marina Imperiale Russa, la quale si avvicinò al barcarizzo di dritta, mentre l'ufficiale Luigi Solari era di guardia. Solari vide salire a bordo della Carlo Alberto un signore il quale giunto di fronte all'ufficiale di guardia dichiarò: " Sono il professore Popov e vengo a presentare i miei omaggi al signor Marconi, al padre della telegrafia senza fili" (vicino a Solari si trovava anche il guardiamarina Ranieri-Biscia). Marconi, presente replicò sorridendo :
"Ma io potrei essere vostro figlio"; gli strinse la mano molto cordialmente e lo condusse nella cabina dell'ammiraglio, chiedendogli notizie circa i suoi esperimenti. Popov ricordò di aver effettuato delle esperienze gia' nel 1895 per la ricezione di scariche atmosferiche (Marconi a quell'epoca aveva 28 anni mentre Popov ne dimostrava 60). Nell'occasione delle esperienze marconiane di Kronstadt, cui assistette Popov insieme allo Zar. Lo Zar concesse a Marconi un'alta onorificenza: la commenda di Sant' Anna con brillanti, il che dimostra che, presente Popov lo Zar non giudicò Marconi un usurpatore dei meriti di quel suo così emminente suddito. Nello stesso anno la Marina Imperiale Russa acquistò 2 stazioni radio "Marconi" che vennero installate a bordo del battello "Rolland" e sulla nave da trasporto "Koreja".
Nell'Agosto 1903, Solari trovandosi alla Conferenza Radiotelegrafica Internazionale di Berlino, quale delegato del Governo Italiano, incontrò Popov, il quale era delegato del governo Russo, in quell'occasione Solari affermò: " Popov ha compiuto verso il 1895 delle interessanti esperienze sulla "ricezione" delle scariche elettriche atmosferiche mediante un filo di rame tenuto sospeso ed isolato dall'aria. Per quanto a me risulta le sue esperienze si limitano alla ricezione delle onde elettriche prodotte dalle scariche atmosferiche, il Prof. Popov per quanto mi risulta non fece mai prima di Marconi delle esperienze di trasmissione di onde elettriche e cioe' della telegrafia senza fili. Avendo poi l'onore della presenza del Prof. Popov, mi permetto di chiedergli se quanto ho detto sia esatto" il professore Popov rispose "Esattissimo".
Nel 1904 ebbe luogo a San Louis (USA) il congresso Mondiale di Elettricità, in quell'occasione fu delegato dal Ministro delle Poste: Luigi Solari con incarico di tenervi una conferenza sulla radio, la Russia vi era rappresentata, ma non si fece viva durante la presenza di Solari, in quell'occasione vi fu una larga discussione su G. Marconi, che fu proclamato l'inventore della radiotelegrafia.



L'Ammiraglio Carlo Mirabello


La R. N. "Carlo Alberto" (Incrociatore corazzato) col grande aereo fra i due alberi.



Luglio 1902 - La R. N. "Carlo Alberto" nel porto di Kronstadt in Russia


Il prototipo marconiano del detector magnetico realizzato in una scatola di sigari,
utilizzato dal 1902 come ricevitore.


Ricostruzione prototipo del Detector magnetico costruito da Guglielmo Marconi
in una scatola di sigari, 1902


La R. N. "Carlo Alberto" col padiglione per le prime esperienze di tramissione radiotelegrafica a grande distanza
(Ferrol - Poldhu, agosto 1902)


La R. N. "Carlo Alberto" con le nuove antenne marconiane


Marconi fra Solari e Kemp, in navigazione sulla Nave Carlo Alberto dall'Inghilterra a Sydney (Canada)

Regia Nave Carlo Albero
In navigazione per Ferrol.
addì 25 agosto 1902
-
La prego di volere accettare i
miei più sentiti ringraziamenti
per il grazioso dono da lei
fatto di una nostra bandiera
nazionale alla stazione di Poldhu
Io sarò certamente orgoglioso
di farla issare appena stabilita la
prima comunicazione attraverso
l'Atlantico fra l'Inghilterra ed
il Canada, ed inoltre assicuro
la S.V. che questa bandiera rimmarrà
a me e sono certo anche ai
miei assistenti, sempre quale caro
ricordo della visita fatta da V.S.
colla R.N. Carlo Alberto a Poldhu
con sensi della più alta considerazione
...
Guglielmo Marconi

Un interessante documento inviato da Marconi al Contrammiraglio Carlo Mirabello
Pubblicato su "Il Gazzettino" Venezia, mercoledì 21 luglio 1937


Breve elenco delle missioni fatte dalla Regia Nave Carlo Alberto

Il 10.6.1902 parte da Napoli per l'Inghilterra e nelle acque della Manica esegue operazioni di telegrafia senza fili. Gli esperimenti proseguirono fino al 25.8.1902 in collaborazione con Guglielmo Marconi.
Le prove di telegrafia vennero effettuati in navigazione dall'Inghilterra alla Russia e sulle coste della Cornovaglia.
Rientra a La Spezia il 10.9.1902.
Ulteriori esperimenti di telegrafia dall'ottobre al dicembre 1902.


LA LETTERA DI POPOV

In una lettera di Popov pubblicata sul The Electrician del 10 Dicembre 1897, Popov non rivendicava l'invenzione della Radio, ma confidava che fosse considerata la sua modesta opera dedicata alla registrazione delle scariche atmosferiche, mediante un rilevatore che egli aveva realizzato modificando quello tipo Branly che Lodge aveva fatto conoscere durante la famosa conferenza svoltasi alla Royal Institution di Londra il primo giugno 1894.
Nella lettera citata Popov affermava:" In conclusione io posso esprimere la speranza, che i miei apparecchi saranno applicati per segnalare a grande distanza...non appena sara' inventato un piu' potente generatore di tali vibrazioni". Nell'enciclopedia Russa del 1906, Marconi figura come il primo che realizzo' praticamente l'idea della T.S.F. mediante le onde elettriche e solo nella enciclopedia del 1929, questo primato viene passato a Popov. La corte Suprema degli Stati Uniti nel 1943 evidenzio': La reputazione di Marconi come colui che per primo realizzo' con successo la radio trasmissione si basa sul brevetto originale americano (b 5819 del 13.07.1896) che venne ripubblicato nel 1901 con n. 11913, e non e' qui in discussione. Da rammentare, che Guglielmo Marconi parti' il 12.02.1896 da Bologna per Londra e deposito' una richiesta provvisoria di brevetto a Londra il 5 marzo 1896, con il numero 5028, e la successiva, definitiva e ufficiale, il 2 giugno 1896.


Schizzo del primo apparato per la ricezione e la registrazione delle oscillazioni elettriche,
di Aleksandr Stepanovich Popov nel 1896.

Lo schizzo è stato eseguito di propria mano in una lettera inviata a F.J. Kapustin.
La versione stampata sul (Giornale della Società Fisico-Chimica russa),
1896, n.1, Sezione di Fisica, pp.1-14. è visibile cliccando QUI.

A.Popoff, An application of the Coherer: To the Editor, Lettera pubblicata
sul The Electrician del 10 Dicembre 1897, p.235


L'IMPARZIALITA' DI CHARLES SUSSKIND

La controversia Marconi-Popov, non è sorta solo nel 1945 quando le Autorità Sovietiche dichiararono il 7 maggio "Giornata della Radio" e proclamarono Aleksandr Stepanovic Popov "Inventore della radio" ha origini assai più remote e si può dire che sia stata iniziata dallo stesso Popov quando, nel novembre 1897, dopo aver letto i risultati delle clamorazioni dimostrazioni di Marconi, scrisse all'editore della rivista inglese The Electrician, affermando che il ricevitore di Marconi doveva essere una riproduzione del suo dispositivo registratore di scariche elettriche atmosferiche ("...the arrangement of Marconi's receiver is a reproduction of my lightning recorder."). Numerosi furono gli interventi a favore dell'una o dell'altra parte, oppure che avanzavano anche la priorità di altri. Tra gli interventi favorevoli a Marconi, spicca, per la sua obiettività nell'esame dei documenti, lo studio approfondito di Charles Süsskind: (dell'università di Berkeley California), pubblicato sul Vol. 50 "PROCEEDINGS OF THE I.R.E." da pag. 2036 a pag. 2047 nell'ottobre 1962. La ricerca del Prof. Charles Süsskind: è stata tradotta integralmente in Italia solo nel 1974 e la si può trovare nel libro pubblicato dalla ERI / EDIZIONI RAI - Torino, "Marconi, cento anni dalla nascita" Autori Vari / Ottobre 1974.

Documenti sulla prima domanda di brevetto di G. Marconi

Schema di un'apparato disegnato dallo stesso Guglielmo Marconi

L'esistenza di una domanda di brevetto datata Londra, 5 marzo 1896, secondo il parere dello studioso Lodovico Gualandi I4CDH, riveste una importanza storica che è stata purtroppo finora sottovalutata. Il ritrovamento di questo importante documento rintracciato durante una ricerca sollecitata dalla Marconi Company al nostro Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni per verificare il ritrovamento delle presunta lettera scritta da Marconi, nel 1895 per offrire l'invezione al Governo italiano, ha permesso all'ingegnere Gervasi della Fondazione Ugo Bordoni, la riscoperta del primo brevetto, di cui si erano perdute le traccie. Dell'offerta di Marconi al governo italiano non è stata trovata nessuna traccia: Lodovico Gualandi sostiene che non può essere stata spedita. L'importanza del ritrovamento del documento attestante che, il 5 marzo 1896, Marconi possedeva un sistema ricetrasmittente ad onde herziane (compiuto ed efficente), anticipa di ben 21 giorni la presunta trasmissione della parola "Heinrich Hertz" effettuata, secondo la versione delle passate autorità del regime sovietico, il 26 marzo 1896. Indubbiamente, questa notizia rappresenta, per gli storici russi, una doccia fredda: abbiamo infatti buone ragioni per ritenere che non siano a conoscenza del ritrovamento di questo documento.

Si ringrazia Lodovico Gualandi I4CDH, per la gentile collaborazione.


Articolo tratto dal "Resto del Carlino" (21/01/1903)
Marconi - La radiotelegrafia nel Canada ed in Italia Un'intervista con il tenente di vascello Solari
Il primo messaggio radiotelegrafico fra gli Stati Uniti e l'Europa


Apparecchio ricevente di A.S. Popov, ( anno 1895 ? )
(L'esemplare autentico è conservato presso il Museo Centrale del collegamento
dedicato alla scienziato russo)


Apparecchio per la rilevazione e la registrazione delle oscillazioni elettriche atmosferiche del Popov ( anno 1896 ? )


La Conferenza Internazionale sulla Radiotelegrafia tenuta nel 1903 a Berlino.
Popov e' nella seconda fila, settimo a partire da destra.



Aleksandr Stepanovitch POPOV
Ingénieur russe (Tourinskie Roudniki, 1859 - Saint-Pétersbourg, 1906).


La Vexata Quaestio della prioritè
Marconi - Popov Un'annosa diatriba


Popov riconobbe a Marconi l'invenzione della radio

1902 - UN ANNO DI GRANDI PROGRESSI NELLA STORIA DELLA RADIO



U.S. Supreme Court, "Marconi Wireless Telegraph co. of America v. United States". 320 U.S. 1. Nos. 369, 373. Argued April 9-12, 1943. Decided June 21, 1943.

Elio Antonucci


Per contattarci, cliccate qui Grazie.



© 1995-2012 by Comitato Guglielmo Marconi


The material on this page are the responsibility of its author