dossier
GUGLIELMO MARCONI

BRIAN TOBIN
Ministro canadese dell'Industria

LA GRANDE VISIONE, ED OLTRE ...

"La storia moderna ha provato senza dubbio che uno dei fattori più grandi della civiltà e del progresso del mondo è la facilità con la quale persone che vivono lontane possono comunicare fra di loro."
Guglielmo Marconi, 20 dicembre 1901

In una fredda giornata di dicembre nel 1901, il grande fisico italiano Guglielmo Marconi salì in cima alla collina di Signal Hill a St.John's in Terranova per ricevere il primo segnale transatlantico senza fili. Per commemorare la storica impresa nel corso dell'anno 2001, la provincia di Terranova e Labrador la mia provincia natale è impegnata nell'organizzazione di una serie di eventi e di attività intitolate "Ricevere il Mondo" (Receiving the World).

La visione di Marconi della comunicazione senza fili fu un elemento fondamentale per l'unione della popolazione sparsa sull'enorme territorio del Canada. E con la crescita del Paese, le telecomunicazioni continuano a svolgere un ruolo essenziale nella vita personale e professionale dei canadesi tramite le tecnologie satellitari, radio e cellulari.

L'impatto va ben oltre le nostre frontiere: le tecnologie senza fili svolgono un ruolo determinante nelle reti informatiche e di comunicazioni che hanno contribuito alla creazione dell'economia globale. I vantaggi di essere all'avanguardia di questa forza nell'economia globale sono evidenti. Il Canada ritiene che i vantaggi sociali ed economici delle nuove tecnologie andranno a beneficio dei paesi i cui cittadini le capiscono, le sviluppano e le usano.

Da parte mia ritengo che i vantaggi sociali siano i più profondi. Poter collegare le persone con la tecnologia ci consentirà di sviluppare una società inclusiva che avanzerà lasciando nessuno indietro. Inoltre, i governi potranno meglio progettare e raffinare i servizi offerti al cittadino e il loro rapporto interattivo con essi.

Ma questi vantaggi sono accompagnati da sfide. Ad esempio, in un vero villaggio globale - frase coniata dal canadese Marshall McLuhan - come fare per mantenere la diversità? Come fa una nazione ad assicurare che le sue lingue, la sua cultura, il suo patrimonio e la sua storia non spariscano? Cosa significa la sovranità in un ambiente dove sono le persone a definire i loro "quartieri"? Per molti paesi, incluso il Canada, questa è una sfida importante, una sfida che ci impegniamo ad affrontare.


a sinistra: Guglielmo Marconi, 1902
a destra: Marconi e S. Isaac in ascolto al radiotelefono 

Tramite l'iniziativa, "Collegare i canadesi" (Connecting Canadians), il Governo del Canada fornisce infrastrutture, programmi di formazione ed accesso alle alte tecnologie della comunicazione, alla cosiddetta Information Highway. Il nostro obiettivo è di essere un paese fra i più connessi ai suoi cittadini: il Canada è stato il primo fra i paesi industrializzati a collegare tutte le sue scuole e tutte le sue biblioteche pubbliche a Internet. Il Programma "Accesso per Comunità" (Community Access Program) è riuscito a realizzare oltre 9.200 siti pubblici di accesso a Internet in località remote, urbane e rurali, sparse in tutto il Canada. La prossima grande sfida è quella di poter offrire entro la fine del 2004 la tecnologia a banda larga a cittadini, a ditte, ad enti pubblici, a tutte le comunità del Canada.

Oltre alla promozione dello sviluppo di reti a banda larga, siamo impegnati nella creazione di un ambiente in cui un'economia dell'informazione possa crescere. L'iniziativa "Governo On-line" (Government On-line) è volta ad aumentare l'efficacia del governo, a migliorare la democrazia e ad assicurare il coinvolgimento del cittadino. L'obiettivo è di garantire la disponibilità on-line di tutti i programmi e servizi governativi entro dicembre 2004.

Grazie ai nostri sforzi iniziali siamo ormai ben avviati, ma per poter continuare a costruire sui nostri successi dobbiamo riuscire a fare un uso innovativo delle tecnologie, completare l'ammodernamento delle nostre attuali reti a banda larga, aiutare i nostri cittadini a sviluppare le capacità necessarie per avanzare nel nuovo ambiente e continuare lo sviluppo di prodotti e servizi d'avanguardia, particolarmente nei settori dell'educazione e della sanità.

Dobbiamo tuttavia tenere una cosa in mente mentre costruiamo il nostro futuro: la globalizzazione non significa solo l'accesso a nuovi mercati e a più soldi, ma rappresenta l'unione di popoli e di culture. Dobbiamo riconoscere che ancora oggi la metà della popolazione mondiale deve ancora fare la sua prima telefonata e questo nonostante il fatto che tramite la tecnologia senza fili potremmo facilmente collegare ogni comune, villaggio e crocevia della terra per una frazione del costo dei sistemi tradizionali.

Il Canada si impegna a condividere con il mondo ciò che abbiamo imparato lungo il nostro cammino. La conferenza intitolata The Wireless Vision - A Global Congress - Marconi's Legacy, che si è svolta a St. John's in Terranova a settembre di quest'anno è un esempio di questo impegno. Servirà come forum dove leader nell'istruzione a distanza, nella telemedicina e nelle attività economiche o socioculturali potranno comunicare fra di loro circa il futuro che ci aspetta ed esplorare i modi in cui la tecnologia senza fili può formare il nostro futuro globale.

La storia si ricorderà di noi per il nostro contributo al miglioramento non solo delle nostre vite ma delle vite dei meno fortunati. Il nuovo millennio ci presenta delle opportunità meravigliose, sta a noi assicurare che queste opportunità siano aperte a tutti.

E quindi ringraziamo Guglielmo Marconi della sua grande visione. Il suo patrimonio arricchisce le nostre vite e serve da base alla costruzione del nostro futuro.