Comitato Guglielmo Marconi International - Fondato nel 1995

(Nella foto il presidente Ciampi e la figlia dello 
scienziato Elettra 
e ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri)
(Nella foto il presidente Ciampi e la figlia dello scienziato Elettra e ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri)

CENTENARIO - Ciampi e Berlusconi celebrano il grande scienziato

Marconi eroe globale


ROMA - Per commemorare al meglio il centenario del primo segnale marconiano transatlantico il presidente Carlo Azeglio Ciampi ha compiuto uno degli atti più "normali" della nostra vita quotidiana: ha alzato il telefono e ha ricordato l'evento con il governatore generale canadese Adrienne Clarkson. Per il Capo dello Stato «le scoperte di Marconi restano straordinarie, dischiudendo l'era dell'informazione globale ed infrangendo il muro del silenzio che, fino ad allora, aveva separato i continenti». Alla celebrazione di quel primo collegamento telegrafico tra Europa e America, svoltasi ieri a Roma, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha voluto ricordare che «grande merito» di Marconi fu quello di «credere fermamente nel valore industriale delle sue scoperte e di voler metterne a frutto tutte le possibilità e applicazioni pratiche».

Valore industriale

Secondo Berlusconi l'utilizzazione commerciale delle scoperte «non significava per lui una mercificazione della scienza, ma era il migliore strumento per mettere la scienza al servizio dell'umanità, generando al tempo stesso risorse necessarie per finanziare nuove ricerche e nuove scoperte: speriamo che questo succeda anche ai nostri ricercatori». E anche il ministro dell'Istruzione Letizia Moratti ha ribadito: «Spero si creino le condizioni ambientali perché i ricercatori italiani possano rientrare».
Da questo tipo di approccio discende per il presidente del Consiglio la necessità di investire nella cultura («in primo luogo in quella forma altissima di cultura che è la ricerca scientifica») per poter essere competitivi. L'obbiettivo, in buona sostanza, è quello di «integrare sempre di pi ù il mondo della ricerca con quello delle imprese». Il governo ritiene di avere compiuto un primo passo in questa direzione con il varo della legge che dà la proprietà della scoperta al ricercatore anche se è stata effettuata all'interno di un laboratorio universitario. «Mi dicono - ha denunciato Berlusconi - che abbiamo i cassetti delle Università pieni di scoperte che poi gli Atenei non sono stati in grado o non hanno voluto trasformare in applicazioni pratiche». E l'imprenditore, che proprio sulla comunicazione ha costruito tutto il suo successo, ha concluso ricordando che Marconi «è stato il primo grande protagonista della globalizzazione» attraverso «uno strumento di libertà come la radio è ancora oggi». «Per questo ci ha lasciato un'eredità incommensurabile».

Mito italiano

Il ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri (nella foto con il presidente Ciampi e la figlia dello scienziato Elettra) aveva reso onore a «un mito italiano», al primo «autentico eroe del villaggio globale». «Le scoperte di Marconi Meucci e Fermi - ha aggiunto Gasparri - sono all'origine della globalizzazione». Per il Marconi-day anche il Canada si è associato alle celebrazioni coniando una moneta. Non solo. Ad Ottawa, capitale del grande paese nordamericano, il sottosegretario Adolfo Urso ha partecipato con il sindaco italo-americano Bobby Chiarelli all'intitolazione di una strada allo scienziato.
di Marco Sassano


12.12.1901 - Parte la comunicazione
Da quella trasmissione è nata l'informatica

Il 12 dicembre 1901 Marconi mandò attraverso l'Atlantico, con un trasmettitore 100 volte più potente di quelli allora esistenti, dalla punta di Podhu, nel sudovest dell'Inghilterra, il messaggio SOS in alfabeto Morse alla stazione ricevente che aveva installato a St. Jonhs di Terranova (Canada). L'evento fu acclamato da scienziati e inventori (come Thomas A. Edison) dalla stampa e dalla gente comune; Marconi ricevette onori e riconoscimenti (tra i quali il premio Nobel per la fisica nel 1909). Perchè la scoperta di Marconi è così importante e tale fu subito considerata? L'uomo porta con sé la spinta di comunicare: si pensi alla parola, ai messaggi sonori e ottici (come il tam tam o il fumo o gli specchi), ai segni e alla scrittura, alla stampa, al telegrafo e al telefono. Ma la possibilità di comunicare senza un supporto fisico e su tutto il pianeta (oggi addirittura su tutto l'universo fino ai suoi confini più lontani) fu subito percepita come un evento sbalorditivo e utilissimo: per segnalare incidenti e pericoli, informare di qualsiasi evento (politico, economico, bellico) collegare giornali e reporter, persone, organizzazioni fisse o mobili che fossero.
Dalla trasmissione del 1901 sono nate radio, televisione, radar, telematica, Internet e tutto l'universo dell'informatica. Hertz aveva dimostrato nel 1888 l'esistenza delle onde elettromagnetiche, sulla base delle equazioni di Maxwell, onde che dovevano propagarsi in linea retta, e molti studiosi, tra i quali Righi, Popov, Tesla, avevano sviluppato generatori vieppiù potenti per impiegare le onde di Hertz nelle telecomunicazioni. Il successo di Marconi si deve all'obiettivo (mandare le onde ovunque, innanzitutto al di là di ostacoli come una collina), poi concepire (e non solo intuire) che il nuovo sistema di telecomunicazione avesse le caratteristiche per diventare mondiale sostituendo gradatamente gli altri, infine che occorrevano capitali e industria per realizzare l'idea.

Scienziati contro

Marconi ebbe contro scienziati e tecnici. I primi lo tacciarono di ignoranza. Rammento che, a casa nostra, Quirino Majorana, professore di fisica al Politecnico di Torino, accusò Marconi di non sapere che lo onde si propagano in linea retta (la possibilità di superare ostacoli e viaggiare lungo la curvatura della terra dipende dall'esistenza dello strato di Heaviside, allora ignoto, che le riflette) e di non aver capito la funzione di immensi condensatori, quali il cielo e la terra, che aveva collegati al suo generatore, senza tuttavia eliminare i condensatori a sfera originari. Ma la storia ha dimostrato che Marconi aveva ragione.

Notizie tratte dal quotidiano
"Il Resto del Carlino" del 13 Dic 2001 05:18 Pag. 42 - CULTURA & SOCIETÀ


Roma, Ministero delle Comunicazioni: il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi con Elettra Marconi 
in occasione della celebrazione del centenario del primo collegamento transoceanico radiotelegrafico effettuato da Guglielmo Marconi.


Per contattarci, cliccate qui Grazie.



© 1995-2012 by Comitato Guglielmo Marconi


The material on this page are the responsibility of its author