Comitato Guglielmo Marconi International - Fondato nel 1995
Fondato nel 1995


La città di Bologna è stata la prima a decretare il Tricolore come Bandiera Nazionale

 Bandiera coi colori Nazionali - Richiesto quali siano i colori Nazionali per formarne una bandiera, si è risposto il Verde il Bianco ed il Rosso

(Archivio di Stato di Bologna, Archivio napoleonico, I, Senato provvisorio, Atti dell'Assunteria di magistrati, b. 5, c. 542 “Bandiera coi colori nazionali” e sgg., 10 maggio 1796 - 30 ottobre 1796).
Estratto del verbale del Senato di Bologna datato 28 ottobre 1796 in cui si legge: "Bandiera coi colori Nazionali - Richiesto quali siano i colori Nazionali per formarne una bandiera, si è risposto il Verde il Bianco ed il Rosso."


 

Lettera Aperta

 

Egregio Signor Sindaco di Bologna,

e. p.c. Stampa locale
 

le segnalo che, sulla storia del comune di Bologna, il sito istituzionale www.comune.bologna.it  presenta alcune carenze ed imprecisioni che richiedono alcune pronte correzioni. A titolo di esempio le chiedo di guardare l'unica immagine del Gonfalone del nostro Comune: essa viene presentata tagliata a metà...

http://informa.comune.bologna.it/storiaamministrativa/stories/detail/39833

Le segnalo poi lo stemma araldico, se uno clicca appare tutto sgranato...

http://informa.comune.bologna.it/storiaamministrativa/stories/detail/141230

Le carenze più gravi riguardano la storia di Bologna, sulla quale sembra che nessuno tra i responsabili del sito si sia un minimo impegnato ad approfondirla.

Il 1° gennaio 1948 con l'entrata in vigore della Costituzione Italiana, l'Italia divenne una Repubblica:

« L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. »

Ma prima di giungere a questa Costituzione ci sono volute ben 52 Costituzioni che hanno comportato lotte, sacrifici, speranze.

La  prima costituzione Repubblicana fu  quella di Bologna... la quale fu la prima provincia emiliana a darsi una costituzione.

anche il primo documento ufficiale che definisce il vessillo Nazionale italiano, precisandone chiaramente i colori con cui doveva essere formato, è del Senato di Bologna

Ora le chiedo:

Per quale motivo si ignora la storia della Bandiera ufficiale del Comune di Bologna? nel sito ufficiale appare solo un breve sunto dello stemma Araldico. Inoltre, per quale motivo non vi è cenno della nascita della BANDIERA NAZIONALE a Bologna, la quale da una approfondita ricerca storica risulta nata nella nostra città?

Durante le celebrazioni per i  "150 anni dell'Unità d'Italia" non si è mai fatto cenno che il Tricolore è nato a Bologna.
Eppure la città di Bologna è stata la prima a decretare il Tricolore come Bandiera Nazionale. Avvenne il 28 ottobre 1796. Questo importante documento per la storia Patria e l'epopea del Risorgimento è conservato all'Archivio di Stato di Bologna, situato in Piazza dei Celestini 4.

Cliccando Bologna, 28 ottobre 1796: Nascita della Bandiera Nazionale
è possibile consultare l'intero verbale diramato e firmato dal Senato di Bologna.

Che la nascita della Bandiera Nazionale sia avvenuta a Bologna, è suffragata da indiscutibili documenti conservati all'Archivio di Stato della "Città delle due Torri". Difatti nell'attestato varato dal Senato Provvisorio "Atti dell'Assunteria di Magistrati, 28 ottobre 1796, foglio 542" viene precisato quanto segue. Titolo: "Bandiera coi colori Nazionali". Testo: "Richiesto quali siano i colori Nazionali per formarne una Bandiera, si è risposto il Verde il Bianco ed il Rosso".
Il ricercatore si renderà conto che in questo paragrafo. disinvoltamente dimenticato, si parla di formazione, ossia creazione di una Bandiera Nazionale. Si tenga presente che il 18 ottobre 1796 a Modena si decreta "...ART.VIII Ogni Coorte avrà la sua bandiera a Tre Colori Nazionali Italiani, distinte per numero, e adorne degli emblemi della Libertà. I numeri delle Coorti saranno estratti a sorte fra quelle formate dalle quattro Provincie ".
Sembra impossibile che nella storia del nostro Tricolore un decreto di tale importanza sia passato inosservato, tanto da essere "dimenticato" dagli stessi depositari della Storia del Risorgimento, che tanto interesse ha suscitato in questo 2011 nella popolazione italiana, giustamente orgogliosa delle proprie origini, della nazione e del senso di patriottismo che è indiscusso collante della partecipata "italianità". Come mai questo "oblio"? Una dimenticanza imperdonabile, una leggerezza della burocrazia continuamente distratta dall'applicazione delle 275 mila leggi che dovrebbero disciplinare la giustizia, l'uguaglianza e la libertà, costituzionali?
Come mai i libri scolastici, censiti dall'autorevole dicastero della Pubblica Istruzione, severo nei giudizi e nelle considerazioni, ed un po' meno sulla precarietà, è scivolato su uno strafalcione del genere? Si tratta solo di una "dimenticanza" come sperano gli esegeti? Od anche nella genesi patriottica c'è il rischio di imbattersi nelle "cammellate"?
"Nel documento di Reggio Emilia datato 7 gennaio 1797 si legge: "... Sempre Compagnoni fa mozione che lo stemma della Repubblica sia innalzato in tutti quei luoghi nei quali è solito che si tenga lo Stemma della Sovranità. Decretato. Fa pure mozione che si renda Universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di tre colori, Verde, Bianco e Rosso e che questi tre colori si usino anche nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti. Viene decretato".
E' indubbio che in questo testo la mozione "che si renda universale lo Stendardo o Bandiera", non si fa cenno alla creazione di una Bandiera, poiché la stessa esisteva già, e garriva sulla Cispadania da più di tre mesi. Cosa confermata dal Congresso della Repubblica Cispadana convocato a Modena il 21 gennaio del 1797 (quattordici giorni dopo Reggio Emilia, quando lo stesso segretario don Compagnoni scrive: "confermando le deliberazioni di precedenti adunanze decretò Vessillo di Stato il Tricolore per virtù d'uomini e di tempi fatto simbolo dell'Unità indissolubile della Nazione." Bologna è quindi la Patria del Tricolore. Ed ecco gli altri documenti che lo attestano:
"Il Tricolore è nato a Bologna" Nessun dubbio per gli storici

A Reggio Emilia non nacque il Tricolore. In un grido di gioia si urlò: "Che questo vessillo sia universale" Che questa nostra felicità coinvolga l'intero universo!" Come interpretò l'italianista Camillo Prampolini, nato a Reggio Emilia nella metà dell'800 da genitori emiliani, direttore del giornale "Lotta di Classe". E la stessa cosa oggi l'afferma l'autorevole storico Aldo A. Mola.
A Reggio Emilia non nacque il Tricolore
In questo sito possono essere consultati i seguenti rari testi, scritti mentre raggrumava l'Unità Italiana.: Felice Venosta, LUIGI ZAMBONI IL PRIMO MARTIRE DELLA LIBERTÀ ITALIANA, stampato a Milano nel  1864; Augusto Aglebert, I PRIMI MARTIRI DELLA LIBERTÀ ITALIANA E L'ORIGINE DELLA BANDIERA TRICOLORE, CONGIURA E MORTE di LUIGI ZAMBONI E G.B. DE ROLANDIS IN BOLOGNA TRATTA DA DOCUMENTI AUTENTICI stampato  a Bologna nel 1862 e ristampato nel 1880; Giovanni Montersino, G. B. De Rolandis Martire Astigiano (1774-1796), Asti - Tip. Paglieri e Raspi, 1926.
Per approfondire l'origine della bandiera tricolore si consiglia di cliccare qui

Ed a questo indirizzo il lettore troverà la cronologia degli avvenimenti che furono alle origini della Bandiera Nazionale Italiana
Ricerca storica: cronologia della Bandiera Nazionale

Inoltre segnalo l'indirizzo di una pagina web in cui viene descritta la Costituzione della Repubblica di Bologna approvata il 4 dicembre 1796
 

Le chiedo anche, con quale atto o regio decreto è stato autorizzato il comune di Bologna ad utilizzare il gonfalone... con quale atto o decreto è stato autorizzata la modifica e l'uso del nuovo gonfalone della città di Bologna e con quale atto o decreto il Comune di Bologna è stato autorizzato ad utilizzare una propria Bandiera ?

Rimango in attesa di un sollecito e gradito riscontro.

Bologna, 20 luglio 2011



Elio Antonucci


COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA DI BOLOGNA
(Approvata il 4 dicembre 1796)


Costituzione della Repubblica italiana del 27 dicembre 1947,
pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n° 298,
Edizione Straordinaria, del 27 dicembre 1947 ed entrata in vigore il 1° gennaio 1948.



Bologna, 1946: Il Sindaco Giuseppe Dozza con il Gonfalone storico di Bologna


Manifesto medaglia d'oro. - Archivio Storico - Comune di Bologna


Il 24 novembre 1946 il Presidente della Repubblica Enrico De Nicola
conferisce la Medaglia d'Oro al Valor Militare a Bologna
per l'alto contributo dato dalla città alla lotta di Liberazione.


Bologna, 9 giugno 2011: Le medaglie del Gonfalone storico della Città di Bologna
Medaglia d'oro alle città benemerite del Risorgimento nazionale 13 novembre 1898 - A sinistra
Medaglia d'Oro al Valor Militare 24 novembre 1946 - Al centro
Medaglia d'oro al valor civile 13 luglio 1981 - A destra


Bologna, 24-06-2011: Gonfalone ufficiale della Città di Bologna.
La Città di Bologna con Decreto del Capo del Governo 6 novembre 1937 ebbe riconosciuto lo stemma;
il gonfalone e la bandiera sembra che non abbiano ottenuto alcun provvedimento di riconoscimento o di concessione.


Vessillo della Città di Bologna


Bologna: Palazzo Comunale - Statua di Gregorio XIII
Notate le bandiere: Europea, Italiana e quella del Comune di Bologna (croce rossa su campo bianco)



Il significato dei tre colori della nostra Bandiera Nazionale

"Il Tricolore è nato a Bologna" Nessun dubbio per gli storici - Ecco i documenti che lo attestano

Bologna può rivendicare l'onore d'aver dato all'Italia il Vessillo dell'emancipazione