Pubblicato il regolamento che disciplina l'uso delle bandiere
Le regole per l'esposizione del Tricolore
(Dpr 7.4.2000, n.121)


Tricolore e bandiera dell'Ue a norma di legge. Con un regolamento, emanato ai sensi della legge n. 22 del 1998, e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 16 maggio 2000, sono definiti tempi, modalità e spazi di esposizione del vessillo ufficiale della Repubblica italiana. Nessuna differenza formale, precisa il testo, tra il simbolo italiano e la bandiera azzurra dell'Unione europea: le nuove regole, infatti, si applicano anche alla bandiera della Ue. Con un imperativo, però, per quanto concerne i tempi: nelle cerimonie ufficiali deve per prima essere alzata la bandiera italiana -che sarà anche l'ultima ad essere ammainata- e solo dopo quella europea. Definite anche le giornate festive durante le quali è doveroso innalzare, nei luoghi istituzionali, il simbolico drappo: la Festa della Repubblica, per esempio, e quella Tricolore; ma anche la Festa del patrono d'Italia e delle Nazioni Unite. Ribadita la regola di tenere a mezz'asta la bandiera in segno di lutto.

Il Tricolore

· La bandiera degli italiani. Le origini, la storia

· Esporlo non è un optional. Le "istruzioni per l'uso" sono leggi dello Stato: Legge 5 febbraio 1998, n. 22 "Disposizioni generali sull'uso della bandiera della Repubblica italiana e di quella dell'Unione europea". Decreto del Presidente della Repubblica 7 aprile 2000. N.121 "Regolamento recante disciplina dell'uso delle bandiere della Repubblica italiana e dell'Unione europea da parte delle amministrazioni dello Stato e degli enti pubblici". Decreto Del Presidente Del Consiglio Dei Ministri 14 aprile 2006 "Disposizioni generali in materia di cerimoniale e di precedenza tra le cariche pubbliche".

· All'alzabandiera… "Fratelli d'Italia"


Flag etiquette
Fonte: ZNAMIEROWSKY, ALFRED, The World Encyclopedia of Flags (Lorenz Books, 1999)

Non esistono convenzioni internazionali sull'uso della bandiera (flag etiquette), ma le disposizioni adottate da un gran numero di paesi hanno tali analogie da poter ipotizzare delle linee di comportamento comunemente accettate.
In generale si identificano due diversi ambiti di esposizioni di bandiere: a livello nazionale o in occasione di eventi internazionali.
In ambedue i casi è norma generalmente seguita che bandiere nazionali esposte in gruppo debbano aver stessa dimensione, essere issate ciascuna su un proprio pennone o su funi separate se fissate su yardarm. La pratica di fissare due o più bandiere alla stessa fune é considerata generalmente scorretta.
La maggior parte dei paesi seguono le seguenti regole per l'esposizione della propria bandiera nazionale.

  • La bandiera viene esposta dall'alba al tramonto, ma non in caso di tempo inclemente. L'esposizione notturna ne è consentita purché ben illuminata.
  • La bandiera viene alzata vivacemente ed abbassata con solennità.
  • La bandiera viene sempre usata in modo dignitoso. Non deve mai toccare il suolo né l'acqua. Non deve mai essere portata sostenuta piatta o orizzontalmente, ma sempre in alto e libera di sventolare naturalmente. Mai usata come copertura di tavoli o sedute o come qualsiasi tipo di drappeggio. Mai usata come involucro per qualsiasi oggetto da contenere, trasportare o spedire.
  • La bandiera nazionale non può mai essere esposta in posizione inferiore ad altre rispetto alle quali deve bensì occupare la posizione privilegiata. Tutte debbono essere issate su un proprio pennone e tutti della stessa altezza. Le bandiere devono avere tutte la stessa dimensione o almeno la stessa larghezza ed essere issate tutte alla stessa altezza. Le altre bandiere nazionali devono susseguirsi in ordine alfabetico come istituito dal linguaggio locale.
  • Quando le bandiere sono due esposte accoppiate, quella nazionale occupa la posizione di sinistra rispetto all'osservatore. Lo stesso deve risultare anche qualora si usasse incrociare le aste.
  • In una esposizione di tre bandiere in linea, quella nazionale occupa la posizione centrale.

Presso sedi di organizzazioni internazionali e in occasioni di conferenze o altri eventi, anche sportivi, internazionali, è consuetudine che le bandiere si susseguano secondo l'ordine alfabetico locale oppure di quello dell'Inglese. (…)


I termini giusti su pennoni e bandiere (glossario essenziale)



Colori e regole

Il presidente Ciampi nel 2004 volle una Commissione per fissare in modo univoco i colori della bandiera Italiana. La Commissione fissò, in base alla scala Pantone tessile, le tonalità: verde felce 17-6153, bianco acceso 11-0601, rosso scarlatto 18-1662.

La bandiera deve apparire in buono stato, va alzata all'alba e ammainata al tramonto,  va esposta in posizione d'onore negli edifici pubblici e nelle scuole. La sequenza dei colori è (da sinistra) il verde, il bianco e il rosso; il verde va legato all'asta e se la bandiera è posta in modo frontale il verde deve essere alla sinistra di chi guarda.

Le dimensioni ordinarie delle bandiere devono essere:

  • per esterno cm 300x200 oppure cm 450x300 (asta da balcone  4 m, asta da terra 8 m),
  • per interno cm 150x100 (asta da interno 250 cm).

 

Come si piega la bandiera italiana

Anche per piegare la bandiera ci sono delle indicazioni da seguire. Quando si vuole piegare la bandiera subito viene in mente il metodo all’americana (prima a metà e poi a triangoli, chiudendo con le stelle) ma la nostra bandiera ha una sua procedura da seguire dovuta anche al fatto che ha bande verticali. In sintesi si deve prima piegare in tre parti seguendo le fasce dei colori e poi in quadrati facendo in modo che il verde in esterno chiuda il tutto.

  La bandiera va piegata lungo le linee orizzontali che separano i colori Dopo la piegatura deve essere visibile solo la parte bianca da un lato e dall'altro quella verde La bandiera va richiusa in modo che sia visibile solo il colore verde

COME SI ESPONE

Palazzo del Quirinale, 31-12-2007 
Il Presidente Giorgio Napolitano in occasione del messaggio di fine anno.
Palazzo del Quirinale, 31-12-2007
Il Presidente Giorgio Napolitano in occasione del messaggio di fine anno.
Dietro, a sinistra dell'aula, la corretta esposizione delle bandiere:
a sinistra quella del Quirinale, al centro il Tricolore, a destra quella europea.


07/01/2011 Reggio Emilia: Il Presidente Giorgio Napolitano consegna il Tricolore all'astronauta Roberto Vittori
che sarà portata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e riportata sulla terra dall'astronauta Paolo Nespoli



23/05/2011: Gli astronauti italiani Paolo Nespoli e Roberto Vittori, dalla Stazione Spaziale Internazionale
in collegamento con il Presidente della Repubblica Napolitano al Quirinale


13/07/2011 Roma: Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, riceve al Quirinale gli astronauti italiani Paolo Nespoli e Roberto Vittori, che hanno partecipato alla missione nella Stazione Spaziale Internazionale. I due astronauti, rientrati dalla stazione orbitale, hanno riconsegnato al Capo dello Stato il tricolore che lo stesso Napolitano aveva affidato a Vittori il 7 gennaio 2011



19/07/2013 Roma: Il presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, č stato in video conferenza da Palazzo Chigi con l'astronauta italiano, Luca Parmitano, collegato dalla Stazione spaziale internazionale (ISS). Al collegamento hanno preso parte il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, Enrico Saggese, e il direttore voli umani e operazioni dell'Agenzia Spaziale Europea, Thomas Reiter.



22/12/2014 Roma: Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha rivolto gli auguri per le prossime festività ai militari italiani impegnati nelle missioni internazionali durante una videoconferenza dal Comando Operativo Vertice Interforze (COI). Dalla Stazione Spaziale Internazionale si è collegata con il Capo dello Stato l'astronauta Samantha Cristoforetti, prima donna italiana nello spazio. "Questa sua straordinaria partecipazione alla missione sarà un incentivo per gli italiani per capire che cosa importante sia impegnarci anche in particolare nelle tecnologie e nelle ricerche spaziali", ha detto il Presidente Napolitano all'ufficiale dell'Aeronautica.


Schemi di esposizione della bandiera italiana
Quotidianamente su sedi statali Alla presenza di un ospite straniero su sedi statali
Quotidianamente su edifici Pubblici
La bandiera italiana assume la prima posizione a destra (a sinistra per chi guarda) con accanto la bandiera europea.


Alla presenza di un ospite straniero su edifici Pubblici
Il tricolore č al centro, mentre la prima posizione a destra viene occupata dalla bandiera ospite per ragioni di cortesia se l'autoritā che viene in visita ha rango pari o superiore rispetto al padrone di casa.

 
Alla presenza di un ospite straniero appartenente all'Unione Europea su sedi statali Quotidianamente su sedi Regionali, Provinciali,Comunali
Alla presenza di un ospite straniero appartenente all'Unione Europea su edifici Pubblici
La bandiera italiana cede la posizione centrale alla bandiera europea e la bandiera ospite occupa la prima posizione a destra.


Quotidianamente su sedi Regionali, Provinciali, Comunali
Le bandiere, i vessilli e i gonfaloni tradizionali delle Regioni, delle province e dei Comuni devono affiancare la bandiera della Repubblica. Avremo quindi a destra la bandiera europea, quella italiana al centro e a sinistra la bandiera della Regione/Provincia/Comune.
 
In presenza di quattro pennoni su sedi Regionali, Provinciali, Comunali
Esposizione quotidiana nelle sedi di Comuni e Province appartenenti a Regioni che prevedono l'esposizione della propria bandiera in tutti gli edifici pubblici nel territorio regionale: in questo caso avremo la bandiera regionale in prima posizione a destra, a seguire quella italiana, quella europea e, in ultimo, quella provinciale/comunale
 
Alla presenza di un ospite straniero su sedi Regionali, Provinciali, Comunali
In occasione di una visita di un ospite straniero di rango superiore o pari a quello dell'ospitante, per ragioni di cortesia e per consuetudine internazionale, nel periodo strettamente connesso alla durata della visita la bandiera nazionale cede la posizione d'onore all'ospite, che sarā quindi collocato tra la bandiera europea e quella italiana. Se il rango dell'ospite č inferiore, le posizioni della bandiera italiana e di quella ospite si invertono. La bandiera di Regione/Provincia/Comune č comunque in quarta posizione.

I = Italia; E = Europa; O = Ospite; RPC = Regione, Provincia, Comune

Può peraltro essere ceduta alla bandiera ospite la prima posizione per ragioni di cortesia se l'autorità che viene in visita ha rango pari o superiore rispetto al padrone di casa.

DOPO 206 ANNI CODIFICATI I TONI DEL NOSTRO SIMBOLO NAZIONALE:
Fern Green (verde felce, 17-6153) un Bright White (bianco acceso, 11-0601) e uno Scarlet Red (rosso scarlatto, 18-1662) della scala Pantone.


Il tricolore: storia della bandiera italiana

"Il Tricolore č nato a Bologna" Nessun dubbio per gli storici - Ecco i documenti che lo attestano

Stemmi, Gonfaloni ed Emblemi Pubblici

Vi consigliamo per altri quesiti, di rivolgervi ai siti che di seguito vi segnaliamo:
Governo Italiano - Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo Servizi innovativi: FAQ
Governo Italiano - Ufficio del Cerimoniale di Stato - La Bandiera
Governo Italiano - Ufficio Onorificenze e Araldica - Servizio Araldica Pubblica
Governo Italiano - Ufficio Onorificenze e Araldica - Concessione emblemi araldici
Come si espongono le bandiere - Governo Italiano

 


Per contattarci, cliccate qui Grazie.




© 1995-2012 by Comitato Guglielmo Marconi


The material on this page are the responsibility of its author